Smettere di fumare per respirare meglio: 31 maggio Giornata mondiale contro il fumo di sigaretta

Smettere di fumare per respirare meglio: 31 maggio Giornata mondiale contro il fumo di sigaretta

I rischi per la salute legati al fumo sono ben noti: solo in Italia, ogni anno, si contano oltre 93mila decessi per patologie attribuibili al consumo di tabacco. Il 90% dei casi di tumore al polmone è riconducibile all’abuso di sigarette, ma il fumo influisce notevolmente anche nella formazione di altri tipi di cancro: fra gli altri citiamo il tumore al colon, alla gola e al cavo orale, alla vescica, al pancreas, al seno ed è causa di alcune forme di leucemia.

Nonostante queste informazioni siano ormai chiare e diffuse fra il grande pubblico, il fenomeno non sembra regredire. Secondo le ultime stime del Ministero della Salute, il 20% dei giovanissimi, fra i 13 e i 15 anni, fumano regolarmente e quotidianamente e il 18% fa uso di sigaretta elettronica. AIRC, Associazione italiana per la ricerca contro il cancro, mette in guardia anche dall’uso della sigaretta elettronica, utilizzata in sostituzione della sigaretta convenzionale e ritenuta meno nociva. È necessario di non abusare neppure di questa modalità di fumo, trattandosi pur sempre di un prodotto a tabacco riscaldato. Per questo motivo è particolarmente importante l’occasione della Giornata mondiale senza tabacco, che si celebra martedì 31 maggio 2022.

La campagna lanciata dall’Oms, Organizzazione mondiale della sanità, mira a consentire a 100 milioni di consumatori di tabacco di fare un tentativo di smettere, creando reti di supporto e aumentando l'accesso ai servizi che hanno dimostrato di aiutare i consumatori di tabacco a smettere con successo.