Asma allergico

Asma allergico

L'asma allergica è una malattia infiammatoria dell'apparato respiratorio, provocata da un'eccessiva reattività a vari stimoli allergenici presenti nell'ambiente esterno.

Il primo contatto con tali sostanze si verifica generalmente durante l'infanzia, soprattutto nei casi di predisposizione familiare: nel paziente inizia la produzione di IgE nei confronti dello specifico allergene ed al ripetersi del contatto il soggetto va incontro ad una reazione anomala ed eccessiva del sistema immunitario: questi eventi innescano un processo a carico dell'albero respiratorio che ne altera le normali funzionalità. 

Quando l'asma non è sotto controllo, l'esposizione prolungata all'allergene determina un'infiammazione cronica dei bronchi per cui un attacco può essere causato da uno sforzo fisico, dall'inspirazione di aria fredda o da una banale infezione virale. 

Ma quali sono i fattori scatenanti?

- Cause ambientali e presenza di altre patologie come la rinite allergica

- Fumo di tabacco

- Inquinamento atmosferico 

- Esposizione a sostanze chimiche

- Infezioni respiratorie virali e batteriche

- Farmaci

- Abitudini alimentari

- Aria fredda

- Esercizio fisico e sforzi intensi

- Stress

I sintomi con cui si manifesta l'asma sono: tosse, senso di oppressione a livello toracico, dispnea, respiro sibilante, disturbi del sonno, difficoltà a compiere sforzi fisici.

Per diagnosticare l'asma bisogna tenere conto della storia clinica del paziente, integrandola con esami più specifici come visita dall'otorinolaringoiatra, test allergologici, spirometria, test di provocazione bronchiale con metacolina. 

Per fronteggiare l'asma bisogna prima di tutto evitare gli allergeni responsabili della patologia: il restringimento delle vie aeree è reversibile sia spontaneamente che con l'aiuto di terapia farmacologica (broncodilatatori). 

Come si può prevenire l'asma allergica?  

- Pulizia frequente degli ambienti domestici e lavorativi; 

- Arieggiare gli ambienti chiusi aprendo le finestre;

- Coprire bocca e naso (in ambienti esterni) se fa freddo o con una mascherina se il luogo è particolarmente inquinato.