#Ariapulita: come si respira in città?

#Ariapulita: come si respira in città?


La qualità dell’aria all’epoca della pandemia: la quarta edizione annuale di Mobilitaria, il rapporto frutto della collaborazione con il gruppo di lavoro “Mobilità sostenibile” di Kyoto Club e gli esperti di CNR-IIA (Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto sull’Inquinamento Atmosferico) traccia il quadro dei livelli di inquinamento atmosferico e delle politiche di mobilità urbana nelle principali città italiane nel periodo 2020-2021. Sono 22 le città italiane di medie dimensioni che hanno approvato il PUMS, Piano urbano di mobilità sostenibile e che lo stanno attuando, con soluzioni interessanti e molte competenze per andare verso la mobilità già a misura di ambiente. Tra queste troviamo Brescia, Siracusa, Parma, Prato, Arezzo, Lucca, Taranto, Pordenone, La Spezia, Terni e Narni, Foggia, Agrigento, Mantova. 

Intanto i cittadini della pianura padana, molto sensibilizzati in questo ultimo anno sul tema dell’inquinamento atmosferico in relazione alla diffusione del contagio da Coronavirus, si mobilitano per ottenere #ariapulita: è questo il claim della campagna che ha già raccolto 40mila firme per ottenere dalle istituzioni un cambio di strategia e ridurre drasticamente le concentrazioni di particolato fine nell’aria, pericolose per la salute.