404

L'articolo che stavi cercando non è al momento disponibile. Puoi comunque guardare tutti gli articoli del blog qui sotto:

Con il caldo respiriamo male, non solo per il calore

Con il caldo respiriamo male, non solo per il calore

Le alte temperature di questa impegnativa estate 2022 sono faticose per il nostro organismo anche perché peggiorano la qualità dell’aria che respiriamo. Se da un lato dobbiamo correre ai ripari, cercando di diminuire la quantità di inquinanti atmosferici, attraverso responsabili strategie a livello locale e globale, dall’altro dobbiamo rassegnarci ad estati torride: “In futuro, questo tipo di ondate di calore sarà normale. 

Congo: i Gorilla nella nebbia minacciati dal petrolio

Congo: i Gorilla nella nebbia minacciati dal petrolio

Mentre il mondo, in risposta alla crisi energetica provocata dall’aggressione russa all’Ucraina, cerca di svoltare verso le energie rinnovabili il più rapidamente possibile, abbandonando le fonti fossili a tutela della qualità dell’aria e contro il cambiamento climatico, la Repubblica del Congo rema contro: il Governo locale ha deciso di mettere all’asta i permessi per la ricerca del petrolio e del gas nell’area in cui abitano i gorilla in via di estinzione.

Caldo e ozono, attenzione alla salute

Caldo e ozono, attenzione alla salute

Con le temperature straordinariamente alte di questo periodo, aumenta nell’aria che respiriamo, in particolare nelle grandi città, la concentrazione di ozono, un gas presente nell’atmosfera,  in continuo incremento a causa del riscaldamento globale della Terra e che rappresenta un pericoloso inquinante per la salute.

Migliorare qualità dell’aria e clima nei prossimi tre anni

Migliorare qualità dell’aria e clima nei prossimi tre anni

Tre proposte che già nei prossimi tre anni porterebbero a un risparmio di più di 15 miliardi di metri cubi di gas e facendo a meno di qualcosa come 40 milioni di tonnellate di gas serra. Se ne è parlato alla Conferenza sul Clima di Roma di giovedì 14 luglio.

Siccità, riscaldamento globale e inquinamento atmosferico: città in crisi

Siccità, riscaldamento globale e inquinamento atmosferico: città in crisi

In questi giorni il volto dei cambiamenti climatici è la siccità che sta colpendo in modo pesantissimo tutto il Paese. Ma non può esserci altra strategia che considerare i principali problemi ambientali della nostra epoca in maniera globale: qualità dell’aria, inquinamento, climate change e siccità sono sfaccettature differenti dello stesso problema, fra loro strettamente interconnesse e particolarmente visibili nei loro effetti peggiori nelle grandi città.

Che impatto hanno le nostre abitudini sull’ambiente e sulla salute?

Che impatto hanno le nostre abitudini sull’ambiente e sulla salute?

Mentre a Torino un’indagine rivela che l’aria intorno agli edifici scolastici è irrespirabile e nel 99% delle scuole osservate i valori degli inquinanti superano i limiti imposti dall’Oms, l’Organizzazione mondiale dalla sanità, in Emilia Romagna la Regione ha organizzato un’indagine fra i cittadini per valutare la consapevolezza rispetto alle abitudini quotidiane che hanno un impatto negativo sull’inquinamento atmosferico.

Lo smog uccide più di Covid, Aids e terrorismo

Lo smog uccide più di Covid, Aids e terrorismo

L’inquinamento non è diminuito nel mondo neppure durante la pandemia: il 97,3 per cento della popolazione mondiale – vale a dire 7,4 miliardi di persone – vive in luoghi dove la qualità dell’aria non soddisfa i requisiti previsti dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Qualità dell’aria e inquinamento atmosferico: il ruolo delle particelle di aerosol

Qualità dell’aria e inquinamento atmosferico: il ruolo delle particelle di aerosol

“Non ci sono più dubbi che vi sia un cambiamento climatico in atto, che è misurabile. Non ci sono più dubbi che questo sia determinato dalle emissioni di anidride carbonica delle attività antropiche. Ci sono ancora incertezze riguardanti il ruolo di ciascuno dei componenti atmosferici, ovvero quanto le particelle riscaldano e raffreddano l’atmosfera.

Green Week: qualità dell’aria e clima al centro del dibattito

Green Week: qualità dell’aria e clima al centro del dibattito

È in corso il Festival della Green Economy di Parma, che entro la fine della settimana, vedrà la partecipazione di importanti esponenti del mondo dell’economia, della finanza e delle istituzioni, tra cui il Premio Nobel 2021 per la chimica, David MacMillan, Maxine Bédat, teorica dell’insostenibilità del fast fashion che presenterà il suo nuovo libro, Unraveled, lo chef tristellato Massimo Bottura e il sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio, Bruno Tabacci.

5 giugno, Giornata Mondiale dell'Ambiente

5 giugno, Giornata Mondiale dell'Ambiente

Il Ripristino degli Ecosistemi, con l’obiettivo di prevenire, fermare e invertire i danni inflitti agli ecosistemi del pianeta, cercando dunque di passare dallo sfruttamento della natura alla sua guarigione: è questo il tema della Giornata dell’Ambiente 2022, istituita nel 1972 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Smettere di fumare per respirare meglio: 31 maggio Giornata mondiale contro il fumo di sigaretta

Smettere di fumare per respirare meglio: 31 maggio Giornata mondiale contro il fumo di sigaretta

I rischi per la salute legati al fumo sono ben noti: solo in Italia, ogni anno, si contano oltre 93mila decessi per patologie attribuibili al consumo di tabacco. Il 90% dei casi di tumore al polmone è riconducibile all’abuso di sigarette, ma il fumo influisce notevolmente anche nella formazione di altri tipi di cancro: fra gli altri citiamo il tumore al colon, alla gola e al cavo orale, alla vescica, al pancreas, al seno ed è causa di alcune forme di leucemia.